IC Giovanni XXIII Mogliano

Scuola Secondaria “Marco Martello” Petriolo

Print Friendly, PDF & Email

La Scuola Secondaria “M. Martello” di Petriolo ha sede in via Leopardi, 1.

E’ formata da 3 classi  con un orario settimanale articolato su 6 giorni per 30 ore settimanali, dal lunedì al sabato dalle ore 8.10 alle ore 13.10.

Le metodologie concordate dai vari docenti hanno come obiettivo fondamentale quello di attivare nelle classi esperienze ricche di apprendimento, ben articolate, con attività che si succedono ordinatamente e in armonia con i bisogni e gli interessi degli alunni, nell’ambito delle conoscenze, dei comportamenti e delle abilità.

SERVIZI E MEZZI OFFERTI DALLA SCUOLA:

  • Inclusione di alunni BES (Bisogni Educativi Speciali)
  • Accoglienza e inserimento alunni stranieri
  • Utilizzo delle tecnologie di supporto alla didattica (registro elettronico, LIM, pc)
  • Lingue: inglese e spagnolo
  • Attività per il recupero degli apprendimenti

AMBIENTI:

  • 3 aule didattiche
  • aula di scienze
  • biblioteca scolastica
  • aula polifunzionale
  • palestra
  • sala insegnanti
  • stanza per ricevimento famiglie

ContattI

  • Responsabile di plesso: prof.ssa Annamaria TROBBIANI
  • Ricevimento: previo appuntamento telefonico
  • Telefono: 0733550622

ANNO SCOLASTICO 2018-19

 

ERASMUS +

(clicca per accedere al contenuto)

Mezzi di trasporto e glossario nel libro “Il giro del mondo in 80 giorni”

di Jules Verne

 

LIBRIAMOCI 

(clicca per accedere al contenuto)

GIORNATE DI LETTURA NELLE SCUOLE.

22 – 27 ottobre 2018

 

 

ANNO SCOLASTICO 2017-18

 

WELCOME TO PETRIOLO!

 Il 17 aprile 2018 gli studenti della scuola Secondaria di I grado di Petriolo, insieme agli alunni della scuola Primaria e dell’Infanzia, hanno dato il loro benvenuto ai docenti dei diversi Paesi europei (Spagna, Polonia, Sicilia, Irlanda) che fanno capo al Progetto “Erasmus Plus”. La cerimonia di accoglienza si è tenuta nel cortile della scuola dell’Infanzia di Petriolo tra poesie, canti, balli e naturalmente non poteva mancare il discorso del sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi, rigorosamente in lingua inglese.

Ve lo proponiamo di seguito:

Good morning,

my name is Valentina Maurizi and I’m the Student town Council Mayor of Petriolo secondary school.

The boys and girls around me are the counsellors.

I’m very pleased to take part in this ceremony to welcome you, European teachers of the Erasmus Plus project.

Initiatives like these are very important because they encourage intercultural exchanges and make all of us feel part of a global school.

Building bridges to connect different cultures is today the only possible answer, as we live in a time in which walls, divisions and hatred are common words.

Projects like Erasmus Plus carry on the values of integration, hospitality, cultural inclusion, cohabitation and democracy that are good for the personal growth of everybody especially of young people.

Enjoy your stay and have a nice day.

(Gli alunni della 3^media) 

I TRENI DELLA VERGOGNA

Da sempre i mezzi di trasporto sono il simbolo di spensieratezza (es. la bicicletta), di sfida (es. l’aereo), di conoscenza (es. il treno per le varie città in cui fa tappa),…

Durante la Seconda Guerra Mondiale, però, i nazisti usarono sia le linee ferroviarie sia altri mezzi di trasporto per trasferire, o meglio deportare, gli Ebrei dalle proprie case ai vari campi di sterminio.

Gli Ebrei non pensavano mai che il treno su cui erano saliti li avrebbe portati in un luogo da cui non sarebbero più ritornati.  I funzionari tedeschi delle ferrovie usarono sia treni merci che treni passeggeri per le deportazioni, durante le quali ai prigionieri non venivano distribuiti né cibo né acqua, nemmeno quando i vagoni dovevano sostare per giorni in prossimità dei raccordi ferroviari, in attesa che altri convogli transitassero. Ammassati all’interno di quei vagoni merci, rigorosamente chiusi dall’esterno, i prigionieri soffrivano per il sovraffollamento, per il caldo torrido d’estate e per il freddo gelido durante l’inverno. Ad esclusione di un secchio, non c’erano altri sanitari e l’odore di escrementi e urina si aggiungeva così alle sofferenze e alle umiliazioni già patite dai deportati, molti dei quali morirono ancora prima di raggiungere le loro destinazioni, per la mancanza di cibo, acqua e aria. Guardie e poliziotti armati scortavano questi treni con l’ordine di sparare a chiunque cercasse di scappare.

Riflettendo su questa pagina nera della storia, e in occasione della Giornata della memoria, noi alunni di 2^ media abbiamo voluto ricordare tutte le vittime della Shoah e in ogni “stella di Davide” ognuno di noi ha scritto un pensiero sulla tolleranza, sul rispetto e sulla fratellanza.

(Gli alunni della 2^media) 

Una scuola piccola… ma aperta all’Europa!

Il nostro progetto d’Istituto per il biennio 2017-2019 è un progetto co-finanziato dalla Comunità Europea  Erasmus plus, nel programma dei partenariati strategici fra scuole e ha per titolo “Trasporti nel passato, presente e futuro”. Tale progetto si propone diversi obiettivi:

  • sottolineare l’importanza dei mezzi di trasporto nella vita dei cittadini europei nel passato, nel presente e nel futuro
  • accrescere la consapevolezza della necessità di sostenere l’iniziativa “Trasporti 2050” della Commissione europea, per ridurre al minimo l’inquinamento ambientale dovuto alle emissioni di gas tossici
  • offrire ai docenti e agli alunni l’opportunità di condividere idee, lavorare in modo collaborativo e sperimentare, in prima persona, la cultura dei Paesi partner (Irlanda, Polonia, Spagna, Grecia, Italia). 

In occasione delle festività natalizie, gli alunni delle classi 1^A e 2^A hanno realizzato dei bellissimi biglietti per augurare ai loro coetanei europei, che fanno capo ai Paesi partner, un felice Natale e un buon 2018. (Gli alunni della classe 1 A)

 

 

Gli alunni, i docenti

e il personale ATA

della Scuola Secondaria di I grado

di Petriolo

vi augurano un sereno Natale e un felice 2018!

 

Presepe realizzato interamente a mano dagli alunni delle classi 1A – 2A – 3A

durante l’ora di Arte e Immagine

 

 

 “Questa scuola è aperta a tutti…tranne che ai bulli”

Il bullismo è un grave problema relazionale che sorge all’interno di un gruppo di coetanei, riguarda sia maschi che femmine e si manifesta quando un prevaricatore, ossia il bullo, compie delle prepotenze nei confronti di una vittima, spesso più debole e rassegnata, in presenza di un gruppo di coetanei che accetta o incoraggia tali sopraffazioni. …continua a leggere.

 

 

 ANNO SCOLASTICO 2016-17

memoria

Un giorno da ricordare 27 gennaio 2017

Sei milioni di Ebrei furono uccisi dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Il campo di sterminio di Auschwitz fu liberato dalle truppe sovietiche il 27 gennaio 1945. Una data che, da allora, è diventata l’occasione per ricordare “che questo è stato”, come scriveva Primo Levi, che nel campo di sterminio di Auschwitz era stato prigioniero.  Dal 2005, il 27 gennaio è ufficialmente riconosciuto in quasi tutto il mondo  come “Giorno della memoria”, per iniziativa dell’ONU … continua a leggere